Rubare un albero di Natale... rapire i desideri dei napoletani...

Rubare, distruggere, rovinare, dissacrare l'albero di Natale posto in galleria Umberto I oramai è una tradizione quasi decennale che fa riflettere ed intristisce l'animo di noi tutti, napoletani e non.  Da anni oramai in galleria viene allestito un albero di Natale particolare che ha la peculiarità di non avere altre decorazioni se non i bigliettini con le lettere a babbo Natale, le speranze, i ricordi, i saluti di quanti si trovano a passare di là... un'iniziativa carina, interessante e "natalizia" in una città, Napoli, che, forse in contrapposizione al fatto di essere la capitale mondiale del presepe, è in genere parca di abeti (o simil tali) natalizi per le strade e le piazze.
2009... rubare...  in passato l'albero era stato tagliato, mutilato, rapito persino... quest'anno è stato rubato dopo una sola giornata di esposizione... nemmeno il tempo di apprezzarne le dimensioni ( sei metri in realtà per la galleria son pochini) e di leggere i contenuti dei primi bigliettini che già qualcuno, per sfregio, per dispetto o semplicemente per garantirsi un albero di Natale di eccezionali dimensioni da mettere in cortile,  aveva ben pensato di portarselo con sè, messaggi augurali e beneauguranti compresi.
Non riprendo il significato ed il senso del bigliettino che hanno lasciato al posto dell'albero mancante - chi vuole potrà leggere qui - so soltanto che non si fa in tempo ad evidenziare aspetti positivi del Natale a Napoli ( le belle ed essenziali luminarie montate dalla stessa ditta che cura le luci natalizie parigine, vincitrice di una gara indetta dal comune di Napoli...  la serie di eventi culturali organizzati dal comune stesso... ) che subito siamo costretti a subire in prima pagina nazionale di diversi quotidiani on line l'ennesimo smacco a causa di uno o pochi furbi o burloni che dovrebbero vergognarsi di quel che fanno e di come infangano con poco il nome della nostra amata città.
Speriamo davvero che questi sventurati possano pentirsi e restituire l'albero ai napoletani, così come l'anno scorso ( o un paio d'anni fa... non ricordo bene) accadde che i malviventi che avevano rubato uno dei presepi artistici di una delle chiese di via Toledo si affrettarono, presi probabilmente dal rimorso o forse semplicemente dall'impossibilità di piazzare merce tanto particolare, a restituire il maltolto...
Ps
Per la cronaca... l'albero è stato ritrovato dalle forze dell'ordine...  presto tornerà al suo posto...

1 commento:

Renzo Piazzesi ha detto...

Caro Fabrizio, condivido il tuo sdegno per il gesto contro il Natale. Tuttavia le mie preoccupazioni per la nostra cittá e il nostro Paese vanno al di lá di un simbolo che rappresenta molti ma non tutti. ci dovremmo indignare per le ignobili scritte che mortificano il nostro patrimonio culturale e di istituzioni locali e centrali che non vogliono valorizzarle e le lasciano al degrado. Purtroppo é una questione contro-culturale. Eravamo la culla della civiltá, dell'arte e del godimento. Ma purtroppo quella Campania Felix non esiste piú. É un ricordo di millenni. Ci restano i soprusi la carenza di lavoro (come cazzo vive una cittá che contando la periferia credo arrivi ai 3 Ml di abitanti a campare non si sa. IL furto dell'albero é solo la manifestazione della nostra ignoranza e impotenza contro i prepotenti.
E non si scandalizzino ed illudano quelli che vivono in altre parti del "Bel Paese" (leggi nord, nord est, centro), se dalle nostre parti si uccide per le strade, si rubano alberi di natale e si distrugge l'arte e si avvilisce il senso civico, dalle loro si da la caccia all'immigrato, si fanno sparire i soldi all'estero, si accettano i soldi sporchi delle mafie esi sfrutta il lavoro di cinesi e "napoletani" (magari connessi con le mafie) per confezionare alta moda o bassa spazzatura... Insomma nonostante appaia un paese diviso, l'Italia é un paese molto unito...

©2009-2016 Fabrizio Reale
I testi e le immagini pubblicati sul sito, salvo dove espressamente indicato, sono di proprietà dell'autore del blog. Tutti i diritti sono riservati.
E' vietato l'utilizzo delle fotografie pubblicate senza esplicita autorizzazione da parte dell'autore.
Per quanto riguarda i contenuti testuali, è possibile l'utilizzo per fini non commerciali a patto di citare correttamente il nome dell'autore e la fonte, con link al post utilizzato.
____
Il blog non rappresenta una testata giornalistica,
in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai
sensi della legge n°62 del 7/3/2001