Giorno della memoria: 27 gennaio 2011 - per non dimenticare le vittime dell'Olocausto



"Allora per la prima volta ci siamo accorti che la nostra lingua manca di parole per esprimere questa offesa, la demolizione di un uomo. In un attimo, con intuizione quasi profetica, la realtà ci si è rivelata: siamo arrivati al fondo. Più giù di così non si può andare: condizione umana più misera non c'è, e non è pensabile. Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga." (Primo Levi, Se questo è un uomo, da wikiquote).

Il 27 gennaio è il giorno della memoria. Spetta a noi tutti, eredi di quanti causarono direttamente od indirettamente l'olocausto, lo sterminio attraverso i campi di concentramento di milioni di ebrei di ogni nazionalità, di rom, di omosessuali, ricordare il dramma della Shoah, per far sì che non debba mai più accadere qualcosa di così terribile.  
Ulteriori citazioni necessarie al giorno della memoria nel post di un anno fa e nel blog di cinema

1 commento:

Adduso ha detto...

http://www.jonialife.it/index.asp?action=viewart&id=5581
''... Questo ‘’ mostro’’, in potenza, è sempre nascosto dentro di noi. Nessuno si senta immune''

©2009-2016 Fabrizio Reale
I testi e le immagini pubblicati sul sito, salvo dove espressamente indicato, sono di proprietà dell'autore del blog. Tutti i diritti sono riservati.
E' vietato l'utilizzo delle fotografie pubblicate senza esplicita autorizzazione da parte dell'autore.
Per quanto riguarda i contenuti testuali, è possibile l'utilizzo per fini non commerciali a patto di citare correttamente il nome dell'autore e la fonte, con link al post utilizzato.
____
Il blog non rappresenta una testata giornalistica,
in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai
sensi della legge n°62 del 7/3/2001