Rifiuti e navi in Olanda - il conto non torna

rifiuti a Napoli durante uno sciopero delle aziende collegate ad ASIA - dicembre 2011
 Se davvero la tanto attesa nave che dovrà portare i rifiuti in Olanda è la Nordstern, come riportato da Il Mattino odierno, chi scrive non può non ritenersi alquanto basito.
La Nordstern, fonte marinetraffic.com , è  una nave cargo lunga 88 metri e larga 13, dalla DWT (Deadweight tonnage - portata lorda) di 3700 tonnellate, che viaggia alla ben poco rassicurante velocità media di 9 nodi.
Per fare un confronto i cargo della Tirrenia (le navi rosse che ogni tanto si fermano anche nel porto di Napoli), costruite nello stesso periodo, a cavallo del 1994, hanno una stazza lorda superiore alle 14.000 tonnellate, DWT superiore alle 7000, sono lunghe oltre 150 metri ed hanno una velocità di crociera superiore ai 19 nodi.
La nave è così lenta (quanto un piccolo gozzo sorrentino in legno) e piccola -come nave cargo - in quanto concepita per lavorare in ambito marino-fluviale e non per attraversare l'oceano ed il Mediterraneo.
Non si capisce che senso abbia utilizzare una nave per portare in Olanda i rifiuti prodotti a Napoli in poco più di due giorni, ad una velocità tale che il tragitto di sola andata necessita di oltre NOVE giorni.
Si tratta di una soluzione incredibile, INUTILE, costosa, fortemente inquinante in quanto si aggiungono le emissioni legate  ad oltre 18 giorni di navigazione di una nave di quasi 90 metri di lunghezza a quelle connesse alla combustione dei rifiuti (che però vanno sempre confrontate con le emissioni evitate legate alla combustione di olio combutibile o metano per produrre l'esatta quantità di energia).
Se questa è l'alternativa, la soluzione più adatta per salvaguardare l'ambiente è costruire un nuovo termovalorizzatore. 
Va scritto che la notizia della revoca di Raphael Rossi dai vertici di ASIA ha fatto passare in secondo piano una notizia positiva per quanto riguarda il rapporto fra Napoli ed i rifiuti, ovvero il raggiungimento nel mese di novembre 2011 di una percentuale di raccolta differenziata pari al 21%,  lontanissima da quanto promesso in campagna elettorale ma pur sempre un bel po' superiore rispetto al 17% di agosto 2011 e valore massimo mai raggiunto dal comune di Napoli.

5 commenti:

redazione dell'Accademia dei Paccheri ha detto...

si, pure noi abbiamo notato il dettaglio e ne abbiamo scritto. Alla fine ci viene da dire: booooohhhh?! Chi ossape!??

http://accademiadeipaccheri.blogspot.com/

Anonimo ha detto...

se sapessa cos'è la STAZZA di una nave... non scrivereste boiate simili. Con osservanza.
Iganzio

Fabrizio Reale ha detto...

hai ragione, ho corretto stazza in portata, traduzioen errata di google di DWT, che è la portata lorda e non la stazza della nave...

il risultato è identico mi pare...

Anonimo ha detto...

Ciao, se il dato sulla DWT è corretto, ripeto, se è corretto, allora la situazione peggiora in quanto per il carico bisogna considerare la portata netta, che deriva dalla Lorda, meno combustibile (tanto, per arrivare in olanda...) acqua, olio, viveri... quindi potrebbero essere molto meno di 3000 ton.. mi sembra strano... bisogna essere sicuri della DWT.
Ignazio

Fabrizio Reale ha detto...

Sul sito cui fa riferimento il mattino è indicata DWT = 3702 t...

In realtà, trattandosi di rifiuto secco e trattato, il confronto con la quantità prodotta di monnezza in città non è del tutto esatto...
"circa due giorni" non è errato...

©2009-2016 Fabrizio Reale
I testi e le immagini pubblicati sul sito, salvo dove espressamente indicato, sono di proprietà dell'autore del blog. Tutti i diritti sono riservati.
E' vietato l'utilizzo delle fotografie pubblicate senza esplicita autorizzazione da parte dell'autore.
Per quanto riguarda i contenuti testuali, è possibile l'utilizzo per fini non commerciali a patto di citare correttamente il nome dell'autore e la fonte, con link al post utilizzato.
____
Il blog non rappresenta una testata giornalistica,
in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai
sensi della legge n°62 del 7/3/2001